annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
MANCINOPAOLO
Nuovo membro
  • 3 Mi piace
  • 2 Risposte
  • 0 Soluzioni Accettate
Stato: Implementata

Visite domiciliari

Ho notato che molte persone richiedono la visita domiciliare. Non solo per disabili ma anche per coloro che hanno sviluppato una fobia sociale che non gli consente di raggiungere lo studio dello psicologo. Prima mi rifiutavo in quanto rappresentava anche una questione deontologica. In pazienti che escono almeno a fare la spesa ci sono molte buone novità.

  La visita domiciliare per queste persone è utile in quanto da allo psicologo la possibilità di chiarire e istruire il paziente su una serie di abilità percettive e comunicative. Ho assegnato anche compiti che lasciano conseguire al paziente comportamenti e abilità che gli consentono di raggiungere abilità sociali tali da superare diverse paure e raggiungere talune competenze che migliorano anche la stima in loro stessi. 

Aggiornamento stato

Buongiorno @MANCINOPAOLO ,

Grazie per aver evidenziato il tema e condiviso la sua idea.

Abbiamo implementato "Visita a domicilio" come motivo di visita standardizzato anche per gli Psicologi. In questo modo può utilizzarlo come motivo di visita per i suoi appuntamenti e i pazienti possono cercarlo direttamente tramite Doctolib.

3 Commenti
LevinaManino
Community Manager Community Manager
Community Manager
  • 347 Mi piace
  • 98 Risposte
  • 7 Soluzioni Accettate

@MANCINOPAOLO mi potrebbe dare gentilmente maggiori dettagli sulla sua idea e sulla funzionalità che vorrebbe migliorare / implementare per poterla discutere con il team di prodotto? Grazie

MANCINOPAOLO
Nuovo membro
  • 3 Mi piace
  • 2 Risposte
  • 0 Soluzioni Accettate

Grazie per la richiesta. 

Mi trovo nella situazione di aiutare persone che mi chiedono assistenza psicologica a domicilio. Nei casi di Fobia Sociale le persone arrivano a non uscire più di casa. Quelli più importanti sono i cosiddetti hikikomori che si rifiutano per anni di uscire di casa ma che a casa compiono tutte le azioni e le comunicazioni perfettamente normali. Hanno tra 16 e 40 anni. Negli ultimi mesi ho conosciuto tre persone che non possono essere classificate ma che hanno il sintomo  comune di non uscire di casa come fossero prigionieri: un ragazzo di 16 anni è venuto allo studio da Capri con la madre; un signore di 34 anni - una grande promessa in medicina - che esce di casa solo per aiutare i genitori anziani (molto preoccupati per lui, infatti sono venuti loro allo studio da me a Portici); un giovane laureato in sociologia di Somma Vesuviana (visita domiciliare) e un signore napoletano di 43 anni anche lui "prigioniero" ma con la madre anziana. 

Capite perfettamente che visitarli a domicilio è sia necessario (altrimenti rinunciano) che faticoso ma molto produttivo di risultati. Infatti, con la Terapia Breve Strategica e quella cognitiva del passo dopo passo possiamo metterli alla prova e raggiungere con gradualità risultati veramente straordinari e consentire la loro "liberazione". Ma è molto faticoso. 

Facciamo sapere che questa è possibile e cerchiamo di aiutarli quanti  più è possibile.

LevinaManino
Community Manager Community Manager
Community Manager
  • 347 Mi piace
  • 98 Risposte
  • 7 Soluzioni Accettate
Stato cambiato in: Implementata

Buongiorno @MANCINOPAOLO ,

Grazie per aver evidenziato il tema e condiviso la sua idea.

Abbiamo implementato "Visita a domicilio" come motivo di visita standardizzato anche per gli Psicologi. In questo modo può utilizzarlo come motivo di visita per i suoi appuntamenti e i pazienti possono cercarlo direttamente tramite Doctolib.